Cosa significa 'stan'? Da una canzone di Eminem a superfan del K-pop

Nel 2020 puoi resistere praticamente a qualsiasi cosa.

Potresti essere un Carly Rae Jepsen Stan o un Timothée Chalamet Stan. Forse prendi gli gnocchi di cavolfiore da Trader Joe's ( non saresti solo lì ).



È possibile che tu abbia persino letto articoli di notizie sullo stanning. Nel nostro anno altamente politicamente carico, le comunità stan hanno fatto notizia per il loro coinvolgimento nel Movimento Black Lives Matter e il Gara presidenziale 2020 .



Per chi non lo sapesse, uno standard - una combinazione delle parole stalker e fan - è fondamentalmente solo un modo per descrivere qualcuno che è molto ossessionato da qualcuno o qualcosa.

La parola trae le sue origini dalla canzone di Eminem con lo stesso nome, che, a partire da novembre 2020, ha ufficialmente due decenni. La traccia, come puoi immaginare, è incentrata su Stan, un megafan ossessionato da Eminem che scrive al rapper una serie di lettere sempre più spaventose .



Allora, come siamo passati da una inquietante canzone di Eminem ai fan dei BTS la raccolta di fondi per Black Lives Matter?

Il significato della parola è cambiato Un sacco negli ultimi 20 anni, ma una cosa è innegabile: è diventata una parte vitale del modo in cui definiamo noi stessi e le cose che amiamo.

Ecco perché, con l'intensità e l'attenzione di un fan super ossessionato, In The Know ha messo insieme una breve storia dello stanning e di come il concetto si è evoluto nel tempo.



2000-2007: 'Dear Slim'

Nel 2000, non sarebbe mai sembrato che Stan potesse diventare una delle canzoni più influenti del millennio. La traccia era solo un piccolo successo all'epoca, con un picco non superiore rispetto al numero 51 nelle classifiche di Billboard.

Questo però è stato sufficiente per avere un impatto. La parola stan ha trovato la sua strada nella musica rap quasi immediatamente, anche nei testi della famigerata traccia diss di Nas del 2001, Etere .

Nella canzone, Nas definisce la sua allora nemesi Jay-Z un falso e un falso, oltre che, ovviamente, uno Stan. Lo scatto è stato efficace, in parte perché, a quei tempi, la parola non aveva altro che connotazioni negative.

Questa prospettiva (usando Stan come un insulto) corrisponde strettamente alle intenzioni originali di Eminem. Il suo Stan è disperato e bisognoso, disposto a fare qualsiasi cosa che possa impressionare il suo artista preferito.

Caro Slim, ti ho scritto ma ancora non ti chiamo, inizia la prima strofa di Stan . Ho lasciato il cellulare, il cercapersone e il telefono di casa in fondo.

2008-2012: solo veri credenti

Secondo il Dizionario Mirriam-Webster (sì, tengono traccia di questa roba), la parola stan non è stata usata come verbo fino al 2008. Quel momento ha coinciso con una nuova era per la parola, durante la quale sembrava che tutti decidessero che stanning non era poi così male, dopotutto .

Ben presto, i musicisti ebbero i loro fanbase distintamente chiamati. Beyoncé ha il suo Beyhive, Rihanna ha la sua Marina e, ovviamente, Justin Bieber ha Beliebers.

Questa non è una novità ovviamente. I Beatles ed Elvis avevano entrambi i loro fan irriducibili, e si potrebbe anche sostenere che lo stanning risale a Franz Liszt, il pianista del XIX secolo che ha scatenato un Lisztomania con i suoi viaggi selvaggi ed emozionanti attraverso l'Europa.

Gli anni 2010 lo hanno portato a un altro livello. Sembrava che ogni grande artista avesse un alveare di fan devoti e autoidentificativi (anche Imagine Dragons ha il suo Sputafuoco ). Gli individui in questi gruppi, sebbene diversi di per sé, erano essenzialmente degli stan.

2013-2017: vero riconoscimento

Anche se lo stanning è diventato un modo del tutto comune per descrivere il fandom, Eminem era ancora all'oscuro della sua stessa canzone.

Il rapper sembrava aver scoperto la cultura stan per la prima volta nel 2013, durante un'intervista con Rolling Stone. Quando la rivista gli ha chiesto se sapeva che Stan aveva creato la propria parola, Eminem ha risposto, Wow, è pazzesco. Oh, è divertente.

Pochi anni dopo, la parola è arrivata a un'autorità ancora più alta. Nel 2017, l'Oxford English Dictionary ufficialmente riconosciuto stan sia come sostantivo che come verbo, citando la canzone di Eminem come probabile origine della parola.

2018-2019: bullismo e tossicità

Ovviamente non lo sarebbe Internet se qualcosa non è andato storto. Lo stanning è diventato più comune negli ultimi due decenni, ma questa ubiquità ha un aspetto negativo.

La cultura pop ha avuto un problema con i superfandom tossici e controllanti per così tanto tempo che c'è un Schizzo dal vivo del sabato sera a proposito. In quella scenetta, andata in onda nel 2014, un segreto Beygency dà letteralmente la caccia a un ragazzo solo perché ha criticato leggermente Beyoncé.

Suona come uno scherzo, ma la vita reale non è sempre molto diversa. A volte, gli stans hanno usato il loro potere e il loro numero per devastare chiunque non fosse d'accordo con la loro ossessione.

Ciò a volte può portare a campagne spensierate, come quando migliaia di fan di Lady Gaga ha inviato recensioni negative del film Venom, che aveva gareggiato nelle sale con A Star Is Born di Gaga, ma, altre volte, può essere molto più pericoloso.

chom chom pet epilatore

Prendi Wanna Thompson per esempio. Nel 2018, l'allora 26enne ha scritto un singolo tweet scherzosamente negativo su Nikki Minaj. È stata immediatamente bombardata da migliaia di commenti dispregiativi, tweet odiosi e messaggi violenti. Secondo il New York Times, Nikki Stans ha persino detto a Thompson di uccidersi.

Sebbene non siano sempre così terribili, questi tipi di attacchi si verificano regolarmente in alcune comunità di fan. Poiché NME sottolineato nel 2019, la cultura stan ha iniziato ad avvicinarsi a somigliare alla sua ispirazione, il personaggio difensivo e problematico che Eminem descrive nella sua canzone.

2020: K-pop e attivismo

Nel 2020, lo stanning è sembrato molto meno tossico. È vero che la negatività che circonda la cultura stan non è scomparsa, ma l'anno scorso ha portato molte ragioni per celebrare il potere dei mega-fan organizzati.

Il K-pop ha avuto molto a che fare con questo. I fan di gruppi come BTS e Blackpink sono tra i più dediti al mondo. Questi gruppi standard sono enormi, sono anche globali, coordinati e estremamente attivo in linea .

Ecco perché, anche se non sai nulla del K-pop, probabilmente hai ancora sentito parlare dei suoi stan. Sono apparsi sui titoli delle notizie nazionali per tutto il 2020, che sia la raccolta di fondi per Black Lives Matter, spamming hashtag odiosi da Twitter o combattere la retorica del complotto .

In molti modi, questo è il vero potere dello stanning. L'ossessione per i BTS offre ai giovani di tutto il mondo un modo per organizzarsi e, di conseguenza, una comunità abbastanza forte da attuare un vero cambiamento politico. Questa è una cosa piuttosto potente, ed è molto più significativa del semplice essere un fan degli stalker.

Se ti è piaciuta questa storia, dai un'occhiata al profilo di In The Know sui più grandi fan americani del K-pop.

Messaggi Popolari